21 | 10 | 2017
PDF Stampa E-mail

 

Il Museo di Roma rivive: dal 29 marzo 2017 Palazzo Braschi apre tutti i suoi spazi ai cittadini

Dal Comunicato Stampa:

Non si tratta di un semplice restyling, peraltro più che evidente nel
generale ripensamento degli spazi espositivi, ora dislocati al secondo e al terzo
piano del settecentesco Palazzo Braschi a piazza Navona.
Il nuovo Museo di Roma si presenta oggi in un'ottica profondamente cambiata rispetto
al passato nella quale, al centro del narrazione è posto il visitatore anziché l'oggetto
esposto. A cominciare dalla prima sala, un crocevia dei percorsi di visita che,
organizzati secondo un criterio tematico e non più cronologico, consentono al
pubblico di immedesimarsi nel racconto, trovando costantemente riferimenti all'attualità e
suggestioni visive di immediata comprensione (...)

http://www.museodiroma.it/mostre_ed_eventi/eventi/il_museo_di_roma_rivive_palazzo_braschi_apre_tutti_i_suoi_spazi_ai_cittadini

Percorso espositivo

Palazzo Braschi

 

 

Fori: riunita l’area archeologica centrale

Dopo aver aperto il primo gennaio 2017 il cancello che divideva le due aree dei Fori imperiali - quella di competenza capitolina e quella di competenza statale – uno dei siti archeologici più famosi del mondo diventa un unico percorso, senza barriere architettoniche, visitabile gratuitamente ogni prima domenica del mese, per tutto l’anno 2017.

I visitatori potranno passare liberamente dai Fori Imperiali al Foro Romano al Palatino, senza interrompere la continuità del racconto storico ed architettonico. L’accesso ai siti è consentito dalle 8.30 alle 16.30, con ultimo ingresso alle 15.30. Si può entrare sia dall’accesso all’area di competenza capitolina, da Piazza Santa Maria di Loreto, presso la Colonna Traiana, sia da uno degli ingressi della Soprintendenza di Stato, a Largo Corrado Ricci, all’Arco di Tito, o a via di San Gregorio.

http://www.comune.roma.it/pcr/do/jpsite/Site/detail.action;jsessionid=rN0dtQpeYjCj5aCXP433SHeR?contentId=NMS1386030

fori riaperti

 

 

 

Circo Massimo: apre al pubblico l’area archeologica

Apre per la prima volta al pubblico l’area archeologica del più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità, con ingresso da piazza di Porta Capena.

Il sito è visitabile fino all’11 dicembre dal martedì alla domenica dalle 10 alle 16 (ultimo ingresso ore 15); dal 12 dicembre il sabato e la domenica dalle 10 alle 16  (ultimo ingresso ore 15) e dal martedì al venerdì su prenotazione allo 060608.

Biglietto d'ingresso:
Intero non residenti: € 5,00
Ridotto non residenti: € 4,00
Intero residenti: € 4,00
Ridotto residenti: € 3,00

http://www.sovraintendenzaroma.it/cosa_facciamo/attivita_sul_territorio/eventi/apre_per_la_prima_volta_al_pubblico_l_area_archeologica_del_circo_massimo

Comunicato stampa

Il monumento: l'architettura

Il monumento: cenni storici

Il restauro

Percorso di visita

CIRCOMASSIMO d0

 

 

Il Museo delle Civiltà

Da settembre 2016, in un complesso piano di riforma e riassetto delle strutture del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, è nato a Roma il Museo delle Civiltà.

La sua istituzione ha permesso di raggruppare in un unico organismo quattro importanti musei nazionali:

Museo Nazionale d’Arte Orientale "Giuseppe Tucci"

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini"

Museo Nazionale dell’Alto Medioevo

 

 

Galleria Borghese

Il Ritratto di Giulio Sacchetti di Pietro da Cortona

Entra nella collezione della Galleria Borghese il Ritratto di Giulio Sacchetti di Pietro da Cortona, opera donata dalla Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti al Museo che già ospita il ritratto del fratello del cardinale, Marcello Sacchetti. La donazione da parte di un privato di un dipinto antico, conservato per secoli nella dimora storica della casata, costituisce un caso eccezionale che non ha immediati precedenti in Italia, dal momento che oggi le donazioni riguardano quasi esclusivamente opere contemporanee, realizzate da artisti viventi e destinate a musei o fondazioni anch'essi privati.

Comunicato Stampa

Galleria Borghese Giulio Sacchetti small

 

  

 

Centrale Montemartini

Sala del Treno di Pio IX

Quello che un tempo era un settore della Sala Caldaie n. 2 della Centrale Montemartini è stato restaurato per accogliere le carrozze del treno realizzato nel 1858 per Pio IX, già conservato nel Museo di Roma a Palazzo Braschi.

Dal 4 novembre 2016

Comunicato stampa

Montemartini sala del treno di pio ix large

 

 

 

Castel Gandolfo: apre al pubblico l'Appartamento Pontificio

Dal 22 ottobre 2016 sarà visitabile l'Appartamento Pontificio di Castel Gandolfo secondo un percorso, gestito dai Musei Vaticani, che comprende fra l'altro la Camera da letto, la Cappella Privata, la Biblioteca e lo Studiolo.

http://www.museivaticani.va/2_IT/pages/MV_Home.html

http://www.famigliacristiana.it/articolo/castelgandolfo-un-giorno-da-papa.aspx

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/intime-stanze-papi-castel-gandolfo-aprono-pubblico-52f708f5-b818-42f8-93aa-489b60c61115.html#foto-1

Castel Gandolfo 1

 

 

 

Musei Vaticani

Inaugurata la Sala Studio Azzurro

Il 28 settembre 2016, negli ambienti della Collezione di Arte Religiosa Moderna dei Musei Vaticani, è stata inaugurata la Sala dedicata al gruppo milanese Studio Azzurro con l'allestimento permanente dell'opera In principio (e poi): si tratta di un ambiente sensibile, una videoinstallazione interattiva in quattro parti con la quale, nel 2013, la Santa Sede ha partecipato per la prima volta alla Biennale Internazionale d'Arte di Venezia. Studio Azzurro, da sempre orientato nella ricerca di un impiego socializzante dell'interattività, da forma in quest'opera al momento fondante della narrazione biblica: la Creazione dell'universo e dell'uomo.
Descrizione dell'opera dal sito web di Studio Azzurro

Comunicato stampa

 

 

 

 

Colosseo

Ricostruito uno dei 28 montacarichi in uso da Domiziano a Macrino (fine I sec.d.C - inizi III d.C.)
L'operazione nasce dalla collaborazione tra la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l'Area archeologica di Roma e la Providence Pictures, che nel 2013 propone la ricostruzione di un montacarichi per la realizzazione del documentario
Colosseum-Roman death trap, del regista Gary Glassman, assumendosi i costi dell'intera operazione. La Soprintendenza chiede che il dispositivo scenico sia fedele all'originale, che funzioni e duri oltre la realizzazione del film a beneficio di studiosi e visitatori. Sotto la direzione di Rossella Rea, archeologa e responsabile del monumento, il progetto viene realizzato dall'ingegnere Umberto Baruffaldi con la consulenza scientifica dell'ingegnere Heinz Beste, dell'Istituto Archeologico Germanico di Roma, e dell'architetto Barbara Nazzaro.
 
Dimensioni del montacarichi: 480 cm per 174 cm per 790 cm di altezza
Peso del montacarichi (gabbia + struttura): 3.300 chili (struttura 2800 kg, gabbia 500 kg)
Dimensioni della gabbia: 180 cm per 140 cm per 100 cm di altezza interna
Capacità di trasporto della gabbia: 300 kg
Corda utilizzata: 100 mt totali, 50 mt per la movimentazione della gabbia, 50 mt per la movimentazione della botola
Bronzo per la realizzazione delle pulegge: 90 kg
Piombo per contrappesi: 120 kg
Distanza percorsa dalla gabbia, dal sotterraneo al piano dell'arena: 8 metri
Rotazioni dell'argano necessarie per una manovra di ascensione: 15 giri
Forza motrice: 8 uomini schierati su due piani alti 1.60 metri, 4 sotto e 4 sopra, più 3 manovratori posizionati sul piano superiore

https://vimeo.com/128643610?from=outro-embed

Cartella stampa

 

 

 
Mibact: foto libere nei musei statali
Dal 1° giugno 2014, con il cosiddetto "Decreto Franceschini", nei musei statali è possibile effettuare foto e riprese senza fini di lucro delle opere di proprietà pubblica 
DECRETO LEGGE 31 maggio 2014 (83/2014)
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 125 31/05/2014
Entrata in vigore del provvedimento: 01/06/2014

Art. 12 – Misure urgenti per la semplificazione in materia di beni culturali
Comma 3
"Sono libere, al fine dell’esecuzione dei dovuti controlli, le seguenti attività, purché attuate senza scopo di lucro, neanche indiretto, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:
1) la riproduzione di beni culturali attuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi;
2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte dall’utente se non, eventualmente, a bassa risoluzione digitale”.
http://galleriaborghese.beniculturali.it/index.php?it/21/news/8/foto-libere-nei-musei-statali#sthash.LbDv5xDe.dpuf
 


Mibact: la prima domenica del mese musei gratis per tutti
Domenica 6 luglio i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente. E’ la prima applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato. 

Il decreto prevede inoltre:

- GRATUITA' SOTTO I 18 ANNI E SCONTI FINO A 25 
"Dal primo luglio – ha detto il ministro – le gratuità riguarderanno solo i giovani sotto i 18 anni e alcune categorie (es. insegnanti); resteranno le riduzioni fino ai 25 anni; mentre scomparirà la gratuità per gli over 65 che, tuttavia, potranno visitare i musei senza pagare il biglietto ogni prima domenica del mese". 
 
- OGNI ANNO 2 NOTTI AL MUSEO AD 1 EURO
"Così come viene rafforzata l’iniziativa ‘Una notte al museo’ prevedendo, almeno due volte l’anno, l’apertura notturna de musei e dei siti archeologici al costo di un euro." 
 
- TUTTI I VENERDÌ MUSEI APERTI FINO ALLE 22
"Anche sugli orari ci sono importanti novità: tutti i venerdì, i grandi musei (compresi Colosseo, Pompei ed Uffizi) prolungheranno l’apertura di due ore e saranno visitabili fino alle 22”.

 

Aperta al pubblico su prenotazione l’Aula Gotica nel Monastero dei SS. Quattro Coronati

Situata al primo piano della Torre Maggiore del Monastero dei SS. Quattro Coronati, l'Aula Gotica costituisce un eccezionale esempio di architettura in stile gotico a Roma. Il ciclo pittorico che ne orna le pareti, rinvenuto nel 1995, è un capolavoro del XIII secolo recuperato grazie a un lungo intervento di restauro condotto dalle Soprintendenze statali.
L'Aula Gotica è ora aperta al pubblico su prenotazione contattando: 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

(+39) 335.495248 (9.00 - 17.00)

Per ogni turno è previsto un numero massimo di 20 persone