17 | 11 | 2018
PDF Stampa E-mail

 

 

Percorsi nel verde alle pendici del Palatino. Mito, storia e natura

Il 22 giugno 2018 riapre dopo diciotto anni il percorso lungo le pendici del Palatino che degradano verso il Circo Massimo. Una passeggiata nel verde lunga quasi un chilometro, che attraversa più di 1500 anni di storia lungo un percorso fortemente simbolico: il fronte del colle dove Romolo fondò la città nel 753 a.C. e dove, ancor prima, secondo il mito la lupa allattò i due gemelli. 

Il percorso meridionale sarà aperto al pubblico in possesso del biglietto di accesso al Foro Romano - Palatino dalle ore 9.00 alle 13.00, senza costi aggiuntivi

 http://www.colosseo.beniculturali.it/it/22/modulo-archivio-eventi/188/percorsi-nel-verde-alle-pendici-del-palatino_-mito-storia-e-natura_

PALATINO

 
 
 

Fori: riunita l’area archeologica centrale

Dopo aver aperto il primo gennaio 2017 il cancello che divideva le due aree dei Fori imperiali - quella di competenza capitolina e quella di competenza statale – uno dei siti archeologici più famosi del mondo diventa un unico percorso, senza barriere architettoniche, visitabile gratuitamente ogni prima domenica del mese, per tutto l’anno 2017.

I visitatori potranno passare liberamente dai Fori Imperiali al Foro Romano al Palatino, senza interrompere la continuità del racconto storico ed architettonico. L’accesso ai siti è consentito dalle 8.30 alle 16.30, con ultimo ingresso alle 15.30. Si può entrare sia dall’accesso all’area di competenza capitolina, da Piazza Santa Maria di Loreto, presso la Colonna Traiana, sia da uno degli ingressi della Soprintendenza di Stato, a Largo Corrado Ricci, all’Arco di Tito, o a via di San Gregorio.

http://www.comune.roma.it/pcr/do/jpsite/Site/detail.action;jsessionid=rN0dtQpeYjCj5aCXP433SHeR?contentId=NMS1386030

fori riaperti

 

 

 

Circo Massimo: apre al pubblico l’area archeologica

Apre per la prima volta al pubblico l’area archeologica del più grande edificio per lo spettacolo dell’antichità, con ingresso da piazza di Porta Capena.

Il sito è visitabile fino all’11 dicembre dal martedì alla domenica dalle 10 alle 16 (ultimo ingresso ore 15); dal 12 dicembre il sabato e la domenica dalle 10 alle 16  (ultimo ingresso ore 15) e dal martedì al venerdì su prenotazione allo 060608.

Biglietto d'ingresso:
Intero non residenti: € 5,00
Ridotto non residenti: € 4,00
Intero residenti: € 4,00
Ridotto residenti: € 3,00

http://www.sovraintendenzaroma.it/cosa_facciamo/attivita_sul_territorio/eventi/apre_per_la_prima_volta_al_pubblico_l_area_archeologica_del_circo_massimo

Comunicato stampa

Il monumento: l'architettura

Il monumento: cenni storici

Il restauro

Percorso di visita

CIRCOMASSIMO d0

 

 

 

 

 

 

 

Castel Gandolfo: apre al pubblico l'Appartamento Pontificio

Dal 22 ottobre 2016 sarà visitabile l'Appartamento Pontificio di Castel Gandolfo secondo un percorso, gestito dai Musei Vaticani, che comprende fra l'altro la Camera da letto, la Cappella Privata, la Biblioteca e lo Studiolo.

http://www.museivaticani.va/2_IT/pages/MV_Home.html

http://www.famigliacristiana.it/articolo/castelgandolfo-un-giorno-da-papa.aspx

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/intime-stanze-papi-castel-gandolfo-aprono-pubblico-52f708f5-b818-42f8-93aa-489b60c61115.html#foto-1

Castel Gandolfo 1

 

 

  

Colosseo

Ricostruito uno dei 28 montacarichi in uso da Domiziano a Macrino (fine I sec.d.C - inizi III d.C.)
L'operazione nasce dalla collaborazione tra la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l'Area archeologica di Roma e la Providence Pictures, che nel 2013 propone la ricostruzione di un montacarichi per la realizzazione del documentario
Colosseum-Roman death trap, del regista Gary Glassman, assumendosi i costi dell'intera operazione. La Soprintendenza chiede che il dispositivo scenico sia fedele all'originale, che funzioni e duri oltre la realizzazione del film a beneficio di studiosi e visitatori. Sotto la direzione di Rossella Rea, archeologa e responsabile del monumento, il progetto viene realizzato dall'ingegnere Umberto Baruffaldi con la consulenza scientifica dell'ingegnere Heinz Beste, dell'Istituto Archeologico Germanico di Roma, e dell'architetto Barbara Nazzaro.
 
Dimensioni del montacarichi: 480 cm per 174 cm per 790 cm di altezza
Peso del montacarichi (gabbia + struttura): 3.300 chili (struttura 2800 kg, gabbia 500 kg)
Dimensioni della gabbia: 180 cm per 140 cm per 100 cm di altezza interna
Capacità di trasporto della gabbia: 300 kg
Corda utilizzata: 100 mt totali, 50 mt per la movimentazione della gabbia, 50 mt per la movimentazione della botola
Bronzo per la realizzazione delle pulegge: 90 kg
Piombo per contrappesi: 120 kg
Distanza percorsa dalla gabbia, dal sotterraneo al piano dell'arena: 8 metri
Rotazioni dell'argano necessarie per una manovra di ascensione: 15 giri
Forza motrice: 8 uomini schierati su due piani alti 1.60 metri, 4 sotto e 4 sopra, più 3 manovratori posizionati sul piano superiore

https://vimeo.com/128643610?from=outro-embed

Cartella stampa