Home Normative sulla Professione di Guida
25 | 03 | 2017
PDF Stampa E-mail

marcoaureliosmall.jpg

La Sentenza del TAR del Lazio pubblicata il 24-2-17 ha annullato i due Decreti Ministeriali 11-12-15 e 7-4-15 sulle guide specializzate e sull'elenco dei siti.

Il Decreto Ministeriale (D.M.) sulle Guide Turistiche (che stabilisce norme relative alla Legge 97 / 2013 art. 3, comma 3) n. 565 del 11-12-15 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 26-2-16. Tale Decreto reca l'individuazione dei requisiti necessari per svolgere la professione di guida turistica specializzata ed illustrare i siti, monumenti e musei di particolare interesse storico, artistico o archeologico.

Testo completo del D.M.:

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/feed/pdf/DM%20del%2011%20dicembre%202015-imported-56247.pdf

La Circolare interpretativa del Ministero MiBACT (protocollo del 24-8-16) chiarisce che : a) le guide europee in prestazione temporanea non possono effettuare visite guidate nei siti riservati alle guide specializzate; b) le guide delle altre Regioni non possono effettuare visite guidate nei siti riservati : http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1472108338416_Circ_1_2016.pdf 

 Linee di Indirizzo approvate dalla Conferenza delle Regioni il 2-2-17 per l' interpretazione del Decreto Ministeriale (o D.M.) del MIBACT n. 565 del 11-12-2015 sulle guide specializzate, per effettuare la ri-abilitazione delle guide, in base all'art. 8 (norma transitoria riguardante le guide già abilitate).

Vedi link:

http://www.regioni.it/newsletter/n-3095/del-06-02-2017/guide-turistiche-linee-dindirizzo-su-professione-e-abilitazione-16198/

 

 1) CODICE DEL TURISMO: DECRETO LEGISLATIVO n° 79 del 23 maggio 2011.
Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo
PROFESSIONI TURISTICHE - ART. 6 (Definizione) Sono professioni turistiche quelle attività, aventi ad oggetto la prestazione di servizi di promozione dell’attività turistica, nonché servizi di ospitalità, assistenza, accompagnamento e guida, diretti a consentire ai turisti la migliore fruizione del viaggio e della vacanza, anche sotto il profilo della conoscenza dei luoghi visitati.

2) La Sentenza della Corte di Giustizia Europea del 26-2-1991 (Causa C-180/1989) stabilisce che la tutela e la valorizzazione del Patrimonio Culturale includono la sua corretta divulgazione: "L'interesse generale attinente alla valorizzazione del patrimonio storico e alla migliore divulgazione possibile delle conoscenze sul patrimonio artistico e culturale di un Paese può costituire un'esigenza imperativa che giustifica una restrizione della libera prestazione dei servizi". Tale Sentenza stabilisce che: "i musei e monumenti storici richiedono l'intervento di una guida specializzata".

Tale Sentenza è stata recepita dal Decreto del Presidente della Repubblica del 13-12-1995 (Atto di indirizzo e coordinamento in materia di guide turistiche) che stabilisce, all' art.2: "ai fini di una migliore fruizione del valore culturale del patrimonio storico e artistico nazionale", che le guide turistiche devono conseguire specifica abilitazione. "I siti che possono essere illustrati ai visitatori solo da guide specializzate" sono poi stati definiti, in base a tale DPR, dalle Regioni mediante Delibere Regionali (1996).

3) Nel Lazio la professione di Guida Turistica  è disciplinata dalla Legge Regionale n.50/1985   

4) LEGGE n. 97 del 6- 8- 13 : Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - (Legge Europea 2013).

Art. 3 : Disposizioni relative alla libera prestazione e all’esercizio stabile dell’attività di guida turistica da parte di cittadini dell’Unione europea - Caso Eu Pilot 4277/12/Mark.

1. L’abilitazione alla professione di guida turistica è valida su tutto il territorio nazionale. Ai fini dell’esercizio stabile in Italia dell’attività di guida turistica, il riconoscimento ai sensi del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, della qualifica professionale conseguita da un cittadino dell’Unione europea in un altro Stato membro ha efficacia su tutto il territorio nazionale.

2. Fermo restando quanto previsto dal decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, i cittadini dell’Unione europea abilitati allo svolgimento dell’attività di guida turistica nell’ambito dell’ordinamento giuridico di un altro Stato membro operano in regime di libera prestazione dei servizi senza necessità di alcuna autorizzazione né abilitazione, sia essa generale o specifica.

3. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentita la Conferenza unificata, da adottarsi entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, sono individuati i siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico per i quali occorre una specifica abilitazione.

 5) Elenco dei siti la cui illustrazione può essere effettuata da una guida specializzata. In applicazione del comma 3 della legge citata al punto precedente (n. 97 / 2013), è stato approvato il  "Decreto Ministeriale del 7-4-15 recante l'individuazione dei siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico per i quali occorre una specifica abilitazione per lo svolgimento della professione di guida".

 Il Decreto con l'elenco completo dei siti di tutte le Regioni, è consultabile sul sito web del Ministero dei Beni Culturali e Turismo: http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/feed/pdf/DM%20del%207%20aprile%202015-imported-50061.pdf

ELENCO  DEI  SITI  DEL  LAZIO (leggi)