Home Misure nella Regione Lazio
14 | 04 | 2021
PDF Stampa E-mail
 
CONTRIBUTO della REGIONE LAZIO di 600 € ai LAVORATORI AUTONOMI con PARTITA IVA
(Delibera del 5-2-2021).

1) Tra i requisiti indicati nella Delibera del 5-2-21, il reddito imponibile deve essere inferiore ai 26.000 €.

La Delibera tuttavia non precisava a quale anno si riferiscono questi 26.000 €.

Federagit-Roma ha richiesto di riferire i 26.000 € al 2020 e non al 2019, altrimenti gli esclusi dal contributo sarebbero stati molti. Le nostre richieste sono state ascoltate. I 26.000 € si riferiscono al 2020 e non al 2019.

2)  L’Avviso del 24-3-2021 contiene le istruzioni per presentare la domanda.
     L'Avviso prevede 5 misure.
     Le Guide e gli Accompagnatori Turistici con Partita IVA attiva rientrano nella Misura n. 5.

 Di seguito la sintesi dei requisiti richiesti e delle modalità per effettuare la domanda :

Misura 5 - il contributo a fondo perduto di € 600,00 è destinato ai lavoratori autonomi titolari di partita IVA della Regione Lazio, aventi i seguenti requisiti :

- la Partita IVA deve essere attiva alla data del 23 febbraio 2020 ed ancora attiva alla presentazione della domanda,

- devono essere iscritti alla Gestione Separata INPS o ad altra Cassa Previdenziale; questo significa che coloro che pagano l'INPS nella Gestione Commercianti possono presentare la domanda;
- il reddito imponibile derivante dall’attività professionale non deve essere superiore a 26.000,00 euro nell’annualità 2020,

- occorre rientrare in uno dei codici ATECO elencati;

il Codice Ateco delle Guide e degli Accompagnatori Turistici è incluso nell'elenco, sia il 79.90.20 che il 79.90.19.

Coloro che hanno il Codice Ateco precedente delle Guide e Accompagnatori 63.30 possono inoltrare la domanda;

- esercitare l’attività nel territorio della Regione Lazio,

- essere in regola con il versamento dei contributi verso il proprio Ente Previdenziale,

- occorre essere un lavoratore autonomo; è stato poi chiarito (il 26-5-21) che si può essere anche una "ditta individuale".

- Non è scritto che il contributo è incompatibile con la pensione.

Non è scritto che il contributo è incompatibile con il lavoro dipendente.

Quando e come presentare la domanda :

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente on line, attraverso lo sportello telematico disponibile al sito

https://ristorilaziopiva.regione.lazio.it/

dal 8 aprile 2021 al 5 maggio 2021 (alle ore 18,00) o fino a esaurimento risorse.

Prima di compilare la domanda, leggere attentamente il tutorial predisposto dalla Regione Lazio, cliccare su "Manuale d'uso dell'applicativo".

Occorre dichiarare, sulla base di una auto-certificazione, che si possiedono i requisiti richiesti.

Occorre dichiarare che il reddito imponibile nell’anno 2020 derivante dall’attività professionale, non supera 26.000 €.  

L’importo di 600 € sarà accreditato sul conto corrente bancario/postale intestato al richiedente. Occorre indicare l'IBAN (senza spazi vuoti).

E' richiesto di indicare, oltre alla propria mail, anche una pec (anche non la propria).

Una volta compilato il modulo, arrivati alla firma, occorre stampare la domanda, (se non si possiede una firma digitale) mettere la propria firma manualmente e scannerizzare la domanda firmata in formato pdf.

Occorre cliccare su "Invia domanda". Si apre una pagina per inviare due allegati : la domanda firmata e

la copia di un documento di identità (in pdf, su una pagina sola).

Una volta inviata la domanda, si riceve una mail con il numero di protocollo (sulla propria mail).

La Regione Lazio potrà effettuare controlli, a campione, circa la veridicità della documentazione prodotta.
Il richiedente che rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del Codice Penale.

Le risorse impiegate sono disponibili fino all’esaurimento dei fondi e verranno finanziate in ordine cronologico di arrivo.
Per singola persona fisica, è prevista la concessione di un solo contributo riferito ad una sola Misura tra quelle oggetto dell’Avviso.
 


 
ORDINANZA  DELLA  REGIONE LAZIO DEL 27-5-20 :
  E' CONSENTITA L'ATTIVITA' DELLE GUIDE TURISTICHE dal 29 maggio, con le seguenti REGOLE :

▪ Uso mascherina per guida e per i partecipanti.

▪ Ricorso frequente all’igiene delle mani.

▪ Rispetto delle regole di distanziamento interpersonale (almeno 1 metro) e del divieto di assembramento. Il distanziamento non si applica alle persone che in base alle disposizioni vigenti non sono soggette al distanziamento interpersonale (detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale).

▪ Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione da adottare.

▪ Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato ovvero con prenotazione;

  mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 30 giorni, nel rispetto della normativa sulla privacy.

▪ Organizzare l’attività con piccoli gruppi di partecipanti.

▪ Eventuali audioguide o supporti informativi potranno essere utilizzati solo se adeguatamente disinfettati al termine di ogni utilizzo.

▪ Favorire l’utilizzo di dispositivi personali per la fruizione delle informazioni.

▪ La disponibilità di depliant e altro informativo cartaceo è subordinato all’invio on line ai partecipanti prima dell’avvio dell’iniziativa turistica.

▪ Divieto di scambio di cibo e bevande.

 

L'Ordinanza del Lazio ricalca le Linee Guida della Conferenza delle Regioni del 25-5-20.

E' pubblicata al seguente link  (la parte sulle Guide è alla fine, a p. 54- 55):

http://www.regione.lazio.it/rl/coronavirus/wp-content/uploads/sites/72/Ordinanza-Z00043-27-05-2020.pdf



 
PER QUANTO RIGUARDA I MUSEI E SITI ARCHEOLOGICI, vale l'Ordinanza della Regione Lazio del 19-5-20 (che recepisce il DPCM del 17-5-20).
Le frasi che riguardano di più le guide sono le seguenti:

Eventuali attività divulgative dovranno tenere conto delle regole di distanziamento sociale e si suggerisce di organizzare le stesse attraverso turni, preventivamente programmati e privilegiando gli spazi aperti.
I visitatori devono sempre indossare la mascherina.
L’utilizzo di ascensori, dove possibile, va limitato e riservato a persone con disabilità motoria.
Regolamentare l'utilizzo di eventuali depositi e guardaroba.
Eventuali audioguide o supporti informativi potranno essere utilizzati solo se adeguatamente disinfettati al termine di ogni utilizzo.
Favorire l'utilizzo di dispositivi personali per la fruizione delle informazioni.
 

 

 

(9-5-20)  MISURE  SUPPLEMENTARI DEL COMUNE DI ROMA E DELLA REGIONE LAZIO :

1) Comune di Roma : Bonus per gli affitti , vedi :
https://www.comune.roma.it/romaiutaroma/it/buoni-affitto.page

2) Regione Lazio : misure supplementari (Regione vicina):

- Regione Lazio, Bonus per gli affitti:
http://www.regione.lazio.it/rl/coronavirus/bonusaffitti/

- Possibilità di un prestito fino a 10.000 € , ad interesse zero e restituzione entro 5 anni (il fondo è stato rifinanziato):
http://lazioeuropa.it/prontocassa

- bonus per chi non ha usufruito di altre indennità:
(vedi n. 4 : "Bonus disoccupati e sospesi dal lavoro" che non usufruiscono di altre misure di sostegno al reddito) :
https://generazioniemergenza.laziodisco.it/#/
 
- Regione vicina, a questo link sono elencate le varie misure; vedi bonus spesa:
http://www.regione.lazio.it/rl/coronavirus/regionevicina/

- Ricordiamo inoltre che le addizionali IRPEF regionali e comunali, con il Regime Forfettario, non si pagano.